Frazioni e Località

Il Comune di Valdisotto è la prima stazione turistica alle porte di Bormio all’uscita dalle gallerie della Strada Statale 38 dello Stelvio. Valdisotto rappresenta fin dall’antichità la “Porta” della Contea di Bormio con le sue “Honorate Valli”.

Il Comune si estende in un vasto territorio caratterizzato da piccoli centri urbani in corrispondenza del corso del fiume Adda a circa 1200 mt.slm. fino oltre i 1600 mt.slm. sulle pendici del Monte Vallecetta e del San Colombano noti per la presenza di moderni impianti sciistici .

E’ dalle alte vette dei monti che dominano Cepina che nasce la celebre Acqua Levissima.

In parte inserita nell’area protetta del Parco Nazionale dello Stelvio, Valdisotto gode della presenza di tutte le specie animali e vegetali caratteristiche dell’arco alpino.

Percorsi naturali, sentieri e dolci passeggiate che collegano i piccoli paesi, le chiese e le baite, in un territorio esteso che  comprende piccoli insediamenti rurali, ampie zone verdi e boschive, un ambiente accogliente e adatto a tutta la famiglia.

Cepina

Frazione con maggior numero di abitanti del Comune di Valdisotto e sede storica del Municipio.

Cepina si sviluppa seguendo, a valle, la linea del fiume Adda e verso monte in piccoli nuclei rurali e molto antichi (Pedemonte, Pozzaglio, Valcepina).

Numerose le abitazioni e gli edifici moderni a prevalente vocazione turistica.

Il paese è ospitale, qui si trovano diverse attività commerciali e ricettive, il Municipio, la Posta, il palazzo scolastico con la biblioteca e la sede della Pro Loco – Ufficio turistico.

google maps


Scleva

La contrada di Scleva nasce dal progetto urbanistico per  la ricostruzione del paese di S. Antonio Morignone distrutto dalla frana del Monte Coppetto nel 1987.

L’idea era dunque di ricostruire un pezzo di paese attorno ad una piazza e di individuare in questa un edificio pubblico, con tanto di torre civica con grande orologio murale. Accanto alle abitazioni private sono sorte nel corso degli anni alcune attività commerciali e nell’edificio pubblico hanno trovato collocazione gli archivi comunali e il nuovo centro dell’Associazione Anziani di Valdisotto. La piazza è arricchita con un palco coperto a gradinate, location ideale per spettacoli, concerti e attività ricreative estive.

google maps


Valcepina

Borgo rurale che domina l’abitato di Cepina, in una zona molto panoramica immerso nel verde. si raggiunge con un passeggiata in parte su strada asfaltata ma prevalentemente in salita partendo da Cepina – Via al Canton.

Di interesse ambientale e naturalistico, il borgo è circondato da boschi di abeti, betulle e noccioli in estate meta ideale per i cercatori di funghi.


Suena

Località panoramica che sorge sopra un roccione a strapiombo sull’abitato di Cepina.

Qui si trovano alcune baite rurali e fienili circondate da ampi prati, è raggiungibile partendo dalla piazzetta di Pedemonte – Cepina su sentiero forestale immerso nella fitta boscaglia che caratterizza il versante montuoso ricco di flora e fauna autoctona. La zona è adatta per i cercatori di funghi.


Capitania

Capitania è un piccolo agglomerato urbano che si è sviluppato lungo la vecchia Strada Statale 38 nei pressi dello Stabilimento della Levissima: impianto per l’imbottigliamento della famosa acqua minerale che sgorga dalle numerose sorgenti sulle montagne che dominano Valdisotto. Lungo la via principale si trovano negozi, attività alberghiere e di ristorazione molto accessibili.

google maps


Piazza | Piazza Alta

Piazza rappresenta in realtà  il nucleo più antico di Valdisotto, facilmente percorribile a piedi e in bicicletta nelle strette strade che sembrano voler custodire timidamente testimonianze dell’antica vita degli edifici rurali e della sua Chiesetta rinascimentale dedicata a San Giovanni Evangelista.

google maps


Tola

Tola è una piccola borgata che si trova tra Aquilone e Cepina, sul tracciato della strada provinciale.

Conta una sessantina di abitanti che parlano un dialetto simile a quello di Sant’Antonio Morignone, un idioma che fa da anello di congiunzione tra i dialetti del Bormiese e quelli valtellinesi.

E’ un tranquillo paesino con ancora spiccate tradizioni agricole. E’ il punto di partenza per interessanti escursioni, da Tola si raggiunge facilmente San Bartolomeo de Castelàz ed anche la zona di Sant’Antonio Morignone. E’ stata di recente realizzato un percorso pedonale-ciclabile che collega la frazione con Cepina.
A Tola si trova la Chiesetta settecentesca dedicata ai Santi Francesco da Paola e Antonio da Padova, fatta erigere dai fratelli Giangiacomo e Pietro Antonio Casari.

Nei pressi dell’abitato si trova il Camping Cima Piazzi, con il ristorante-pizzeria ed un ampio parco giochi immerso nella natura che spadroneggia in questo piccolo borgo; infatti i boschi nella zona di Tola fanno parte del territorio del Parco Nazionale dello Stelvio.

google maps


Aquilone

Aquilone è l’unico nucleo abitato scampato, in parte, alle calamità del 18 e 28 luglio 1987.

Nei pressi delle case è stata recentemente realizzata una Chiesetta commemorativa, all’interno della quale si trova un ceppo millenario che simboleggia l’antico bosco distrutto dalla frana. Al suo esterno è stata collocata una fontana recuperata dalle macerie.

Ogni anno il 28 luglio viene celebrata una messa a suffragio delle vittime sia di Sant’Antonio Morignone sia delle contrade vicine tutte distrutte della Frana della Val Pola.

La conca di Sant’Antonio è ora interessata da lavori di bonifica per riportare in vita ciò che è stato cancellato con la catastrofe del 1987.

google maps


San Bartolomeo

San Bartolomeo de Castelàz è un piccolo nucleo scampato miracolosamente alla frana del 28 luglio 1987.

L’immane cataclisma ha infatti distrutto tutta la zona circostanza, lasciando illesa questa località di enorme pregio storico, artistico e architettonico. Vi si trova Infatti la trecentesca Chiesa intitolata a San Bartolomeo che conserva al suo interno affreschi risalenti a fine XIV secolo, un’altra serie di raffinati affreschi di fine XVII secolo sono attribuiti con certezza al pittore Cipriano Valorsa. A ridosso della chiesa esiste un piccolo ossario eretto nel 1785. Il tempio, un tempo, era meta di pellegrinaggi, in occasione di periodi di siccità, per invocare la pioggia con l’intercessione di San Bartolomeo.
Nella chiesa è stata posata una lapide a memoria di Madre Giovanna Ferrari (1888-1984) fondatrice dell’ordine delle suore che per oltre sessant’anni hanno prestato servizio a Sant’Antonio Morignone. Madre Giovanna, da fanciulla, sentì la vocazione proprio in questa chiesa.

Nelle adiacenze esistono, oltre ad alcune case, le poche rovine della fortificazione chiamata Castelàz, oggetto di scavi da parte della Sovrintendenza, che ne fa risalire all’VIII-X secolo l’origine.


Santa Maria Maddalena

Santa Maria Maddalena è un piccolo centro urbano del Comune di Valdisotto che si trova su versante montuoso immersa nella vegetazione tipica della flora montana; è una località che merita una visita, soprattutto da parte di escursionisti e naturalisti appassionati.

Questo piccolo borgo conserva ancora oggi una forte senso di “paese” ed ospita la pregevole Chiesa di Santa Maria Maddalena  fulcro della vita dei suoi pochi abitanti.

Vicino al torrente Massaniga in un rustico caseggiato è ancora presente l’antico mulino della contrada e sulla facciata si può ammirare un modesto affresco raffigurante il crocifisso con la Madonna affiancata da un santo.

google maps


Monte

Monte, detta genericamente Mont per la sua funzione di pascolo, sino a tempi poco lontani era abitata tutto l’anno.

Questo era possibile grazie al fieno dei prati raccolto sino all’ultimo filo d’erba, ed alla coltivazione di campi di segale e colture a foraggio, che permettevano ai contadini di accumulare il sufficiente per svernare.

Durante il periodo estivo invece il bestiame veniva lasciato libero nei pascoli comuni o portato negli alpeggi vicini di Zandilla e Campaccio.

Gli alpeggi erano per la comunità un bene tanto prezioso da essere spesso oggetto di aspre contese, infatti venivano prescritte delle norme rigidissime per la conduzione dell’alpeggio.

Per ogni malga erano nominati due “caricatori d’alpe” che, in quanto responsabili del suo funzionamento, in primavera giravano casa per casa per ricevere le prenotazioni del bestiame e, una volta individuati casari e pastori, avevano il compito di controllarne il lavoro.

Oggi Monte è abitata solo nel periodo estivo ed è il crogiuolo della centenaria Chiesa della Visitazione della Beata Vergine Maria restaurata nella primavera del 2011.

google maps


Santa Lucia

Località  la cui storia è testimoniata dal ritrovamento di reperti archeologici risalenti all’età  del Ferro.

S. Lucia ospita edifici moderni e pregevoli abitazioni per i numerosi turisti che frequentano l’Alta Valtellina, è, inoltre, sede del Centro Sportivo Fumarogo con campo bocce, campo di calcio e calcetto, un comodo parco giochi e percorsi ciclopedonali facili e panoramici.

google maps


Oga

Oga, piccola località  di Valdisotto a 1.500 metri sul livello del mare, è un paese di montagna in mezzo ad ampi boschi di conifere e contornato dalle più belle vette delle Alpi centrali (Ortles, Gran Zebrù, Tresero, Thurwieser, Cevedale, S.Matteo, Confinale, Reit, Cima Piazzi, …).

Oga non conosce ancora il turismo di massa e gli effetti tante volte fastidiosi che questo porta con sè.

Sicchè vi può garantire vacanze tranquille e rilassate, in un ambiente di pace, di serenità , di silenzi.

Nello stesso tempo, l’essere Oga a due passi da Bormio permette agli ospiti di accedere in pochi minuti ai servizi, alle comodità  e pure alle vivacità  di Bormio, un centro urbano di prim’ordine, raffinato, attivo, colto.

Chiesa Parrocchiale SS. Lorenzo e Colombano

google maps


Le Motte di Oga

In estate quando le seggiovie e gli impianti sciistici attigui al laghetto sono a riposo, riprende la vita delle numerose specie di libellule che nello stagno vivono e si riproducono. Gerridi e altri insetti caratteristici dell’ambiente umido, tritone alpestre e anfibi saranno per voi i piccoli ospiti di questa area pic-nic realizzata per osservare, scoprire e conoscere da vicino e con tranquillità questo delicato ecosistema.

I pannelli esposti vi aiuteranno a riconoscere le diverse specie degli abitanti dello stagno.

Intorno allo stagno vi consigliamo poi di esplorare il bosco alla ricerca di funghi e di frutti selvatici. Facili sentieri forestali vi accompagneranno in un pomeriggio di vera montagna nei pressi della località Le Motte di Oga, sulla strada provinciale n. 28 (Oga – Le Motte).

google maps


Piatta

Frazione di Valdisotto che si è sviluppata nel corso degli anni attorno ad un centro antico che conserva molte testimonianze della vita rurale e contadina del nostro territorio.

Un centro storico di interesse per passeggiate adatte alle famiglie, a circa un chilometro da Bormio, in un ambiente che sa custodire al meglio la tranquillità dei piccoli borghi di montagna.

Piatta è uno dei “balconi” su Bormio: località panoramica che domina tutta la conca della “Magnifica Terra”.

La Chiesa Parrocchiale è dedicata a S. Anna

google maps


San Pietro

San Pietro rappresenta uno dei punti più panoramici di Valdisotto. E’ un piccolo borgo con rustici ammodernati ed una particolarissima Chiesetta dedicata ai SS. Pietro e Marcellino.

Fu sicuramente una delle località frequentate sin dalla preistoria per la sua posizione strategica di avvistamento e difesa.

Questo è testimoniato dagli antichi passaggi dell’uomo che si possono ritrovare nei boschi circostanti. Infatti la zona che va da San Pietro alla località Ciuk ospita il caratteristico Sentiero delle pietre Coppellate del Vallecetta lungo il quale è possibile vedere i massi con delle incisioni chiamate “coppelle” .

San Pietro, è raggiungibile da Bormio in pochi minuti ed è inoltre a due passi da Bormio 2000.

google maps


Ciuk

Località  panoramica a circa 1700 mt.slm immersa nella natura sulle pendici del Vallecetta, sede di attività  alberghiere e ristoranti aperti tutto l’anno, piste da sci con campi scuola sulla prestigiosa pista Stelvio e impianti di collegamento con Bormio 2000.

In Estate piacevole meta di escursioni e passeggiate a piedi e in bicicletta.

google maps


Bormio 2000

Località sciistica per eccellenza nel comprensorio dell’Alta Valtellina. Qui si trovano alcuni alberghi e ristoranti aperti tutto l’anno, negozi di articoli sportivi e le sedi delle principali scuole di sci. Fulcro dell’attività sportiva invernale Bormio 2000 è raggiungibile sia con mezzi propri (la strada da Bormio è completamente asfaltata e pulita da neve e ghiaccio in inverno) sia con le comodissime funivie che da quota 1200 (Bormio) raggiungono la stazione sciistica a 2000 mt. slm in circa dieci minuti.

In estate è punto di partenza per escursioni in quota nell’incontaminata natura del Parco Nazionale dello Stelvio.

Da Bormio 2000 è possibile salire in vetta al Vallecetta con un’altra funivia, raggiungendo Bormio 3000. Qui si trova un ampio e accogliente rifugio aperto anche in estate.

Bormio 3000 è una meta ambita sia dagli sciatori che dai numerosi bikers che nella stagione estiva, solcano le piste tracciate sulla cresta che collegano Valdisotto alle vallate di Bormio, Valfurva e Sondalo con percorsi panoramici mozzafiato.

google maps


Bormio 3000

Bormio 3000 è il luogo ideale dove poter avere una visuale su tutto il fondo valle restando a bocca aperta davanti ad uno scenario mozzafiato. Si possono vedere un piccolo scorcio della Valdidentro, Valfurva, Valdisotto, Bormio e alcune cime svizzere.

Questo straordinario punto panoramico nel periodo invernale è il paradiso degli sciatori, mentre durante l’estate si possono fare stupende passeggiate nella natura.

E’ la terrazza panoramica sulla magnifica Terra a quota 3000 m.

google maps