Via Roma, 55 Cepina Valdisotto (SO) - Telefono: 0342 950166 - E-mail: info.valdisotto@bormio.eu

dal 22 al 31 luglio – Andar per muri – Mostra personale di pittura di Rita Sosio

dal 22 al 31 luglio – Andar per muri – Mostra personale di pittura di Rita Sosio

Andar per muri è il titolo della mostra personale di pittura dell’artista Rita Sosio che verrà allestita presso il locale “Caseira”* (ovvero Latteria turnaria) recentemente restaurato e posto al di sotto dell’Oratorio dei Confratelli.
La mostra è aperta dalle 15.00 alle 19.00.

 

Le latterie turnarie sono una forma di cooperazione molto antica tra piccoli allevatori; le prime risalgono al secolo XVI ma fiorirono soprattutto a partire secolo XIX.

La tradizione delle latterie turnarie era un tempo diffusa in tutto il territorio dell’Alta Valtellina e costituiva un modo di gestione del latte economico e facile, adatto alla produzione casearia di piccola scala, tipica dei territori di montagna, dove le famiglie erano proprietarie ciascuna di poche vacche da latte.

La necessità di affrontare i problemi comuni alla ricerca di soluzioni che fossero vantaggiose per tutta la comunità è stata il fondamento della costituzione della latteria turnaria di Cepina nei primissimi anni del secolo scorso.

La modalità di lavorazione collettiva del latte avrebbe permesso di ridurre le spese (legate principalmente alla retribuzione del casaro) e di avere prodotti di qualità che, oltre a garantire cibo alla famiglie, potevano se commercializzati, integrare i magri bilanci familiari.

La latteria, fin dall’inizio, trova collocazione nei locali interrati dell’Oratorio dei Battuti posto di fronte alla Chiesa Parrocchiale di proprietà della stessa, ceduti in uso alla popolazione dietro modesto compenso (due caserèda ogni anno destinate al sostentamento del Parroco). 

Il caseificio era strutturato in maniera essenziale: nell’ingresso avveniva il ricevimento del latte il cui peso (pesa a sc’ tadéira) veniva registrato sul registro dei soci; nello stesso locale vi erano due focolari per le caldaie di rame dove il latte, opportunamente riscaldato, veniva cagliato. Un braccio meccanico (cigagnòla) permetteva al casaro di togliere dai focolari le caldaie, una delle quali poteva contenere fino a quattro quintali di latte.

Sulle pareti laterali trovavano posto: a sinistra un acquaio, indispensabile per la pulizia degli utensili e a destra il gocciolatoio in legno (sc’presór) sul quale il formaggio, tolto dalla caldaia con l’ausilio di appositi teli (li téla del furmài) e sistemato in fascere di legno (li fascéira), veniva posto a perdere il siero in eccesso. Questa operazione veniva favorita dal posizionamento, sopra le fascere, di tappi di legno appesantiti da grossi sassi.

A sinistra dell’ingresso, nel locale di affioramento (la cànua del lec(h)’) sulle cui pareti vi erano vasche in cemento (bùgl del lec(h)’) dove scorreva continuamente l’acqua, venivano sistemate le bacinelle contenenti il latte conferito per essere raffreddato e mantenuto in fresco. In questo locale il latte veniva scremato (sc’florè) e la panna trasformata in burro con l’ausilio di una zangola di legno a botte (la penèglia).

A destra si accedeva alla cantina dei formaggi (cànua di furmài). Le pareti di sasso con pavimento in terra battuta garantivano temperatura e umidità costanti. I formaggi debitamente marchiati con il numero di riferimento al proprietario, venivano conservati su scaffali in legno (pendéa)  per una prima stagionatura.

La quantità di formaggio e burro, e su richiesta, di ricotta ottenuti da ogni singola “caserèda” dipendeva dalla quantità di latte conferito dai soci che a turno si occupavano della lavorazione del latte stesso. Il siero, a meno che non fosse reclamato dal proprietario della “caserèda”, veniva liberamente prelevato dai soci e utilizzato per l’alimentazione dei maiali allevati in ogni famiglia.

La latteria turnaria costituì per lunghi anni un naturale punto di incontro e di socializzazione.

La sua chiusura, avvenuta alla fine degli anni ottanta del novecento, ha segnato la fine di un modo di vivere semplice, più solidale, meno frenetico perché scandito dai tempi della natura.

 

 

 

 

 

 

 

0 Commenti

Lascia una risposta